La romaní in Italia tra rappresentazione e legittimazione