Pensare le categorie di genere come tropi