Riflessi del teatro d’opera nel carteggio dei fratelli Pietro e Alessandro Verri