Consumi di pregio nel Quattrocento milanese: storicità e problemi della stima