Negli ultimi anni, a seguito soprattutto della crisi finanziaria del 2008, si  è accentuata sempre più l’attenzione degli stati a perseguire e fornire la stabilità  economica nelle sue differenti variabili (finanziaria, monetaria e fiscale). Si tratta di un bene pubblico globale, in quanto è  fonte di benefici per tutta l’umanità in termini geografici e i cui effetti esprimono una forte componente intergenerazionale. La relativa fornitura richiede, tuttavia, una stretta cooperazione da parte degli stati nel definire politiche e meccanismi di stabilizzazione comuni; tuttavia le soluzioni sin qui adottate per conseguire detto bene hanno impattato sensibilmente sui diritti economici e sociali degli individui.   E' emersa, così, l’esigenza, ben espressa dall’Agenda 2030, di ripensare l’attuale ordine economico internazionale neo liberista, impegnando i diversi soggetti e attori della Comunità  internazionale a elaborare soluzioni che tutelino, nell’ottica del principio dello sviluppo sostenibile, le generazioni future che, più  di tutti, rischiano di pagare i costi maggiori dovuti alla crisi.

Crisi e ricerca della stabilità economica nella prospettiva di un nuovo ordine economico internazionale orientato allo sviluppo sostenibile / G. Peroni. - In: IL DIRITTO DELL'ECONOMIA. - ISSN 2281-1540. - 66:3(2020 Dec), pp. 259-298.

Crisi e ricerca della stabilità economica nella prospettiva di un nuovo ordine economico internazionale orientato allo sviluppo sostenibile

G. Peroni
2020-12

Abstract

Negli ultimi anni, a seguito soprattutto della crisi finanziaria del 2008, si  è accentuata sempre più l’attenzione degli stati a perseguire e fornire la stabilità  economica nelle sue differenti variabili (finanziaria, monetaria e fiscale). Si tratta di un bene pubblico globale, in quanto è  fonte di benefici per tutta l’umanità in termini geografici e i cui effetti esprimono una forte componente intergenerazionale. La relativa fornitura richiede, tuttavia, una stretta cooperazione da parte degli stati nel definire politiche e meccanismi di stabilizzazione comuni; tuttavia le soluzioni sin qui adottate per conseguire detto bene hanno impattato sensibilmente sui diritti economici e sociali degli individui.   E' emersa, così, l’esigenza, ben espressa dall’Agenda 2030, di ripensare l’attuale ordine economico internazionale neo liberista, impegnando i diversi soggetti e attori della Comunità  internazionale a elaborare soluzioni che tutelino, nell’ottica del principio dello sviluppo sostenibile, le generazioni future che, più  di tutti, rischiano di pagare i costi maggiori dovuti alla crisi.
crisi; stabilità; sostenibilità; sviluppo; diritti umani; ordine economico internazionale
Settore IUS/13 - Diritto Internazionale
http://www.ildirittodelleconomia.it/wp-content/uploads/2021/03/10Peroni.pdf
Article (author)
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
ESTRATTO ildirittodelleconomia3_2020.pdf

accesso aperto

Tipologia: Publisher's version/PDF
Dimensione 429.86 kB
Formato Adobe PDF
429.86 kB Adobe PDF Visualizza/Apri
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2434/850037
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact