The contribution analyses the measures that affected the exercise of religious freedom in Italy in times of pandemic throughout the 2020. These measures raised several legal issues. On the one hand, from the point of view of compliance with the principles of necessity, proportionality, reasonableness and temporariness, whose observance aims to ensure that the compression of rights, including that of religious freedom, takes place in accordance with the Constitution. On the other hand, with specific reference to possible violations of the principle of bilateralism. At the same time, the paper sought to investigate the way in which the ecclesiastical authority has dealt with the measures that have been adopted to contain the spread of the contagion, highlighting how Italian Church has tried to turn the terrible lesson of the pandemic into a propitious time with spirit of collaboration and sense of responsibility.

Il presente contributo analizza i provvedimenti che hanno interessato l’esercizio del diritto di libertà religiosa in Italia in tempo di pandemia durante tutto il 2020. Tali provvedimenti hanno sollevato diverse questioni giuridiche. Da un lato, sotto il profilo del rispetto dei principi di necessità, proporzionalità, ragionevolezza e temporaneità, la cui osservanza serve a garantire che la compressione dei diritti, ivi compreso quello di libertà religiosa, avvenga nel rispetto della Costituzione. Dall’altro, con specifico riferimento a possibili violazioni del principio pattizio. Parallelamente, ha inteso indagare il modo in cui l’autorità ecclesiastica si è posta di fronte alle misure che sono state adottate per contenere la diffusione del contagio, evidenziando come con spirito di collaborazione e senso di responsabilità la Chiesa italiana abbia provato a trasformare la tremenda lezione della pandemia in un tempo propizio.

Covid-19 e libertà religiosa in Italia: lo spirito di resilienza dello Stato e della Chiesa davanti alla sfida della pandemia / D. Milani. - In: IUS ECCLESIAE. - ISSN 1120-6462. - 33:1(2021), pp. 89-116.

Covid-19 e libertà religiosa in Italia: lo spirito di resilienza dello Stato e della Chiesa davanti alla sfida della pandemia

D. Milani
2021

Abstract

Il presente contributo analizza i provvedimenti che hanno interessato l’esercizio del diritto di libertà religiosa in Italia in tempo di pandemia durante tutto il 2020. Tali provvedimenti hanno sollevato diverse questioni giuridiche. Da un lato, sotto il profilo del rispetto dei principi di necessità, proporzionalità, ragionevolezza e temporaneità, la cui osservanza serve a garantire che la compressione dei diritti, ivi compreso quello di libertà religiosa, avvenga nel rispetto della Costituzione. Dall’altro, con specifico riferimento a possibili violazioni del principio pattizio. Parallelamente, ha inteso indagare il modo in cui l’autorità ecclesiastica si è posta di fronte alle misure che sono state adottate per contenere la diffusione del contagio, evidenziando come con spirito di collaborazione e senso di responsabilità la Chiesa italiana abbia provato a trasformare la tremenda lezione della pandemia in un tempo propizio.
covid-19, religious freedom, bilateralism, right to health, salvation of the soul, coram populo ceremonies
Settore IUS/11 - Diritto Canonico e Diritto Ecclesiastico
IUS ECCLESIAE
Article (author)
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Milani_covid Ius ecclesiae.pdf

non disponibili

369.24 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2434/845623
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact