PADRE EZIO GUADALUPE ROATTINO, missionario della Consolata, sacerdote presso la Parrocchia San Juan Bautista di Toribío (Dipartimento del Cauca, Colombia). Strenuo difensore dei diritti delle popolazioni indigene colombiane, attivo nel territorio del Cauca da oltre trent’anni, Ezio Roattino è divenuto un punto di riferimento spirituale, culturale e politico per le comunità di etnia nasa che abitano la regione. Nella sua attività intellettuale e sociale di mediazione interculturale eredita il messaggio del suo stretto collaboratore Álvaro Ulcué Chocué, primo sacerdote indigeno in Colombia, assassinato nel 1984 per le sue coraggiose battaglie in difesa del diritto alla vita e alla terra delle popolazioni andine. L’infaticabile attività di Ezio Roattino nel Nord del Cauca si è tradotta in risultati di profondo impatto socioculturale nel territorio, tra i quali si distinguono: la promozione di progetti di recupero della cultura e della lingua locale (nasa yuwe); la collaborazione costante con le autorità spirituali tradizionali, alla ricerca di uno spazio consolidamento della relazione tra sapere ancestrale, messaggio evangelico e comunità; la stesura e la diffusione di lettere e testi di denuncia di aggressioni alla popolazione civile da parte di gruppi armati nella regione del Cauca; la costituzione di spazi di protezione e difesa della comunità nasa di Toribío in epoca di conflitto armato; l’edizione e la pubblicazione del pensiero e della parola del sacerdote Álvaro Ulcué nel volume Álvaro Ulcué Chocué Nasa pal hoy. Semilla y Camino (IMC, 2011).

La Casa Del Missionario è La Cordigliera : Cammini Inculturati di Resistenza dalle Ande Colombiane / S. Ferrari. - In: ALTRE MODERNITÀ. - ISSN 2035-7680. - 22:(2019 Nov 26), pp. 89-97. [10.13130/2035-7680/12459]

La Casa Del Missionario è La Cordigliera : Cammini Inculturati di Resistenza dalle Ande Colombiane

S. Ferrari
Primo
Writing – Original Draft Preparation
2019

Abstract

PADRE EZIO GUADALUPE ROATTINO, missionario della Consolata, sacerdote presso la Parrocchia San Juan Bautista di Toribío (Dipartimento del Cauca, Colombia). Strenuo difensore dei diritti delle popolazioni indigene colombiane, attivo nel territorio del Cauca da oltre trent’anni, Ezio Roattino è divenuto un punto di riferimento spirituale, culturale e politico per le comunità di etnia nasa che abitano la regione. Nella sua attività intellettuale e sociale di mediazione interculturale eredita il messaggio del suo stretto collaboratore Álvaro Ulcué Chocué, primo sacerdote indigeno in Colombia, assassinato nel 1984 per le sue coraggiose battaglie in difesa del diritto alla vita e alla terra delle popolazioni andine. L’infaticabile attività di Ezio Roattino nel Nord del Cauca si è tradotta in risultati di profondo impatto socioculturale nel territorio, tra i quali si distinguono: la promozione di progetti di recupero della cultura e della lingua locale (nasa yuwe); la collaborazione costante con le autorità spirituali tradizionali, alla ricerca di uno spazio consolidamento della relazione tra sapere ancestrale, messaggio evangelico e comunità; la stesura e la diffusione di lettere e testi di denuncia di aggressioni alla popolazione civile da parte di gruppi armati nella regione del Cauca; la costituzione di spazi di protezione e difesa della comunità nasa di Toribío in epoca di conflitto armato; l’edizione e la pubblicazione del pensiero e della parola del sacerdote Álvaro Ulcué nel volume Álvaro Ulcué Chocué Nasa pal hoy. Semilla y Camino (IMC, 2011).
Ezio Roattino; inculturazione; spiritualità indigene; culture andine; Álvaro Ulcué Chocué.
Settore L-LIN/06 - Lingua e Letterature Ispano-Americane
Article (author)
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Intervista_Roattino.pdf

accesso aperto

Descrizione: Articolo_Roattino
Tipologia: Publisher's version/PDF
Dimensione 573.79 kB
Formato Adobe PDF
573.79 kB Adobe PDF Visualizza/Apri
Pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/2434/828949
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus 0
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact