Dal 1990 a oggi un’ondata di guerre civili si è abbattuta su singoli paesi e intere aree regionali: la Jugoslavia all’indomani della fine della guerra fredda, la Somalia, l’Africa occidentale e la regione dei Grandi Laghi nei dieci anni immediatamente successivi, il Medio Oriente, l’Africa settentrionale e l’Ucraina nel periodo più vicino a noi. Questa proliferazione di guerre civili ha attirato l’attenzione di decisori politici, operatori umanitari, giornalisti e, naturalmente, studiosi. Ma, allo stesso tempo, li ha convinti sempre di più a vedere nella guerra civile un fenomeno marginale, confinato una volta per tutte fuori degli spazi ‘centrali’ del sistema internazionale e associato a qualche forma di arretratezza economica, politica o persino culturale. Allargando la prospettiva oltre l’ultimo trentennio, il libro rovescia questa immagine. È sufficiente attingere all’esperienza storica, infatti, per constatare che la guerra civile costituisce un’esperienza centrale nella storia europea (e italiana). Attorno a essa ruotano alcune delle determinanti fondamentali dell’ordine politico: l’edificazione e la successiva implosione della distinzione tra ‘noi’ e gli ‘altri’; la conseguente separazione tra ciò che è dentro e ciò che è fuori dall’unità politica e, quindi, tra politica ‘interna’ e politica ‘estera’; la distinzione ancora più capitale tra violenza ‘buona’ e violenza ‘cattiva’, ‘legittima’ e ‘illegittima’, ‘legale’ e ‘criminale’.

Guerra civile e ordine politico / A. Colombo. - Bari-Roma : Laterza, 2021. - ISBN 978-88-581-4304-9. (SAGITTARI LATERZA)

Guerra civile e ordine politico

A. Colombo
2021

Abstract

Dal 1990 a oggi un’ondata di guerre civili si è abbattuta su singoli paesi e intere aree regionali: la Jugoslavia all’indomani della fine della guerra fredda, la Somalia, l’Africa occidentale e la regione dei Grandi Laghi nei dieci anni immediatamente successivi, il Medio Oriente, l’Africa settentrionale e l’Ucraina nel periodo più vicino a noi. Questa proliferazione di guerre civili ha attirato l’attenzione di decisori politici, operatori umanitari, giornalisti e, naturalmente, studiosi. Ma, allo stesso tempo, li ha convinti sempre di più a vedere nella guerra civile un fenomeno marginale, confinato una volta per tutte fuori degli spazi ‘centrali’ del sistema internazionale e associato a qualche forma di arretratezza economica, politica o persino culturale. Allargando la prospettiva oltre l’ultimo trentennio, il libro rovescia questa immagine. È sufficiente attingere all’esperienza storica, infatti, per constatare che la guerra civile costituisce un’esperienza centrale nella storia europea (e italiana). Attorno a essa ruotano alcune delle determinanti fondamentali dell’ordine politico: l’edificazione e la successiva implosione della distinzione tra ‘noi’ e gli ‘altri’; la conseguente separazione tra ciò che è dentro e ciò che è fuori dall’unità politica e, quindi, tra politica ‘interna’ e politica ‘estera’; la distinzione ancora più capitale tra violenza ‘buona’ e violenza ‘cattiva’, ‘legittima’ e ‘illegittima’, ‘legale’ e ‘criminale’.
Settore SPS/04 - Scienza Politica
Guerra civile e ordine politico / A. Colombo. - Bari-Roma : Laterza, 2021. - ISBN 978-88-581-4304-9. (SAGITTARI LATERZA)
Book (author)
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Guerra civile e ordine politico PDF.pdf

accesso riservato

Tipologia: Publisher's version/PDF
Dimensione 1.41 MB
Formato Adobe PDF
1.41 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/2434/820998
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact