Il contributo analizza le difficoltà nei rinnovi dei contratti collettivi nazionali di lavoro (CCNL) nel corso del 2020, nel contesto di bassa inflazione o inflazione negativa successivo agli annl 2012-13, ora prolungato e aggravato dalla crisi pandemica del COVID-19. Particolare attenzione è dedicata al rinnovo del contratto Federmeccanica-Assistal ed alla soluzione al tema degli incrementi retributivi adottata nel CCNL precedente, scaduto a fine 2019, riproposta dalla parte datoriale per il rinnovo in corso. Una soluzione che nel CCNL 2016-2019 ha previsto nessun aumento ex-ante dei minimi retributivi a livello nazionale, ma solo ex-post sulla base dell'inflazione effettiva dell'anno precedente, ed incrementi reali unicamente a livello aziendale legati a miglioramenti della produttività, escludendo di fatto la vasta platea di lavoratori privi di contrattazione di secondo livello. Le difficoltà sono attribuite al problema di come conciliare le esigenze di competitività delle imprese con quella di evitare spinte deflattive e sostenere la domanda aggregata, sottolineata anche in contributi provenienti dalla Banca d'Italia .

I rinnovi contrattuali tra competitività delle imprese e spinte deflattive / L. Bordogna - In: L'Annuario del lavoro 2020 / [a cura di] M. Mascini. - Prima edizione. - [s.l] : Arti Grafiche La Moderna, 2020. - ISBN 9788894138771. - pp. 225-228

I rinnovi contrattuali tra competitività delle imprese e spinte deflattive

L. Bordogna
Primo
2020

Abstract

Il contributo analizza le difficoltà nei rinnovi dei contratti collettivi nazionali di lavoro (CCNL) nel corso del 2020, nel contesto di bassa inflazione o inflazione negativa successivo agli annl 2012-13, ora prolungato e aggravato dalla crisi pandemica del COVID-19. Particolare attenzione è dedicata al rinnovo del contratto Federmeccanica-Assistal ed alla soluzione al tema degli incrementi retributivi adottata nel CCNL precedente, scaduto a fine 2019, riproposta dalla parte datoriale per il rinnovo in corso. Una soluzione che nel CCNL 2016-2019 ha previsto nessun aumento ex-ante dei minimi retributivi a livello nazionale, ma solo ex-post sulla base dell'inflazione effettiva dell'anno precedente, ed incrementi reali unicamente a livello aziendale legati a miglioramenti della produttività, escludendo di fatto la vasta platea di lavoratori privi di contrattazione di secondo livello. Le difficoltà sono attribuite al problema di come conciliare le esigenze di competitività delle imprese con quella di evitare spinte deflattive e sostenere la domanda aggregata, sottolineata anche in contributi provenienti dalla Banca d'Italia .
Relazioni industriali; contrattazione collettiva; Italia
Settore SPS/09 - Sociologia dei Processi economici e del Lavoro
Book Part (author)
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
BOZZE 4-11-2020 rev Pagine da Annuario lavoro_2020_v03nuovi-2.pdf

accesso riservato

Tipologia: Post-print, accepted manuscript ecc. (versione accettata dall'editore)
Dimensione 48.95 kB
Formato Adobe PDF
48.95 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2434/806640
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact