Tra Humour e umorismo: gli inglesi dei Classici del ridere