«Uno strano miscuglio di serio e di faceto»: le prime traduzioni francesi dei ‘Classici del ridere’