La Corte di giustizia conferma l'ormai inestricabile intreccio fra libertà economiche e diritti fondamentali nel mercato interno