Barbari e cristiani. Gregorio di Tours, Isidoro di Siviglia e Paolo Diacono