La seconda morte dell'opera