In questo articolo intendiamo presentare una metodologia di determinazione del valore secondo l’approccio finanziario che risulta particolarmente agile in termini applicativi, in contesti nei quali la struttura finanziaria delle imprese oggetto di analisi sia potenzialmente soggetta a vistose oscillazioni all’interno dell’orizzonte temporale adottato ai fini valutativi. Tale metodologia, nota come Capital Cash Flow Analysis si sostanzia per l`inclusione dello scudo fiscale nella determinazione dei flussi di cassa rilevanti, opzione questa, che consente di adottare, quale appropriato tasso di sconto, un tasso costante “unlevered” estratto dal CAPM. A differenza quindi del tradizionale approccio DCF asset side, del quale restituisce i medesimi risultati, il CCF non richiede la determinazione del costo del capitale in funzione della struttura finanziaria di ciascun periodo (costo medio ponderato del capitale) potendo percio’ essere applicato prescindendo dalla determinazione di un valore “approssimato” di impresa sulla base del quale impostare il calcolo della leva.

Metodi finanziari di valutazione in contesti perturbati: il Capital Cash Flow / S. Bonini, R. Zullo. - In: FINANZA MARKETING E PRODUZIONE. - ISSN 1593-2230. - 19:2(2001), pp. 97-106.

Metodi finanziari di valutazione in contesti perturbati: il Capital Cash Flow

S. Bonini
Primo
;
2001

Abstract

In questo articolo intendiamo presentare una metodologia di determinazione del valore secondo l’approccio finanziario che risulta particolarmente agile in termini applicativi, in contesti nei quali la struttura finanziaria delle imprese oggetto di analisi sia potenzialmente soggetta a vistose oscillazioni all’interno dell’orizzonte temporale adottato ai fini valutativi. Tale metodologia, nota come Capital Cash Flow Analysis si sostanzia per l`inclusione dello scudo fiscale nella determinazione dei flussi di cassa rilevanti, opzione questa, che consente di adottare, quale appropriato tasso di sconto, un tasso costante “unlevered” estratto dal CAPM. A differenza quindi del tradizionale approccio DCF asset side, del quale restituisce i medesimi risultati, il CCF non richiede la determinazione del costo del capitale in funzione della struttura finanziaria di ciascun periodo (costo medio ponderato del capitale) potendo percio’ essere applicato prescindendo dalla determinazione di un valore “approssimato” di impresa sulla base del quale impostare il calcolo della leva.
DCF; valutazione; rischio
Settore SECS-P/11 - Economia degli Intermediari Finanziari
Article (author)
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
CapitalCashFlow.pdf

accesso riservato

Tipologia: Publisher's version/PDF
Dimensione 1.07 MB
Formato Adobe PDF
1.07 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2434/783959
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact