Ascoltare la voce di Ambrogio? Un caso di parlato-scritto tardoantico