Un’Italia più verde dopo il COVID-19?