Negli ultimi anni il videogioco ha raggiunto una maturità che viene oggi riconosciuta sempre più anche a livello istituzionale e che gli ha permesso di entrare nelle scuole e nei musei. La musealizzazione del videogioco propone una serie di opportunità di analisi. Il saggio intende analizzare il tema da due punti di vista per suggerire alcune considerazioni: in primo luogo verrà affrontato il ruolo del museo nel videogioco e cioè come esso è stato rappresentato, analizzando casi studio di particolare interesse tra cui Tomb Raider: Legend (2006), GTA 4 (2007), Uncharted 2 e 3 (2009, 2011), Bioshock 2 e Bioshock Infinite (2010, 2013) o The Last of Us (2013). In secondo luogo sarà affrontato il tema della presenza del videogioco nel museo, da intendersi su tre livelli: il suo ingresso è infatti attestato in un primo momento grazie all’utilizzo che ne hanno fatto gli artisti a partire dagli anni ’90 e fino a oggi in esperienze raccolte sotto diverse etichette (tra cui quella di “game art”); un secondo livello è rappresentato dall’allestimento di mostre dedicate e dall’acquisizione di videogiochi nelle collezioni dei musei; infine l’utilizzo del videogioco come tool didattico e strumento di marketing da parte del museo stesso. Il contributo proverà a evidenziare alcuni aspetti che videogiochi e musei inaspettatamente condividono in quanto dispositivi, come il tema della costruzione di percorsi e narrazioni, il collezionismo e la costruzione dell’esperienza.

Musei nei videogiochi/Videogiochi nei musei / E. Modena. - In: PIANO B. - ISSN 2531-9876. - 4:1(2019 Dec 28), pp. 83-105. [10.6092/issn.2531-9876/10251]

Musei nei videogiochi/Videogiochi nei musei

E. Modena
2019

Abstract

Negli ultimi anni il videogioco ha raggiunto una maturità che viene oggi riconosciuta sempre più anche a livello istituzionale e che gli ha permesso di entrare nelle scuole e nei musei. La musealizzazione del videogioco propone una serie di opportunità di analisi. Il saggio intende analizzare il tema da due punti di vista per suggerire alcune considerazioni: in primo luogo verrà affrontato il ruolo del museo nel videogioco e cioè come esso è stato rappresentato, analizzando casi studio di particolare interesse tra cui Tomb Raider: Legend (2006), GTA 4 (2007), Uncharted 2 e 3 (2009, 2011), Bioshock 2 e Bioshock Infinite (2010, 2013) o The Last of Us (2013). In secondo luogo sarà affrontato il tema della presenza del videogioco nel museo, da intendersi su tre livelli: il suo ingresso è infatti attestato in un primo momento grazie all’utilizzo che ne hanno fatto gli artisti a partire dagli anni ’90 e fino a oggi in esperienze raccolte sotto diverse etichette (tra cui quella di “game art”); un secondo livello è rappresentato dall’allestimento di mostre dedicate e dall’acquisizione di videogiochi nelle collezioni dei musei; infine l’utilizzo del videogioco come tool didattico e strumento di marketing da parte del museo stesso. Il contributo proverà a evidenziare alcuni aspetti che videogiochi e musei inaspettatamente condividono in quanto dispositivi, come il tema della costruzione di percorsi e narrazioni, il collezionismo e la costruzione dell’esperienza.
museo; videogioco; serious game; mostre; narrazione;
Settore L-ART/03 - Storia dell'Arte Contemporanea
Settore L-ART/06 - Cinema, Fotografia e Televisione
Settore L-ART/04 - Museologia e Critica Artistica e del Restauro
   Dipartimenti di Eccellenza 2018-2022 - Dipartimento di FILOSOFIA
   MINISTERO DELL'ISTRUZIONE E DEL MERITO
28-dic-2019
Article (author)
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
10251-Articolo-34083-3-10-20191231.pdf

accesso aperto

Tipologia: Publisher's version/PDF
Dimensione 715.48 kB
Formato Adobe PDF
715.48 kB Adobe PDF Visualizza/Apri
Pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/2434/775724
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact