The article offers a theoretical contribution for reading women’s process of separation from the ’ndrangheta through an innovative approach. First, it highlights how the condition of vulnerability can represent a heuristic tool useful for taking the distance from the Mafia. Afterwards it wonders about the risks of paternalism inherent in interventions of support for these women, suggesting that they should be elaborated within the horizon of the care’s ethics and relational autonomy

L’articolo offre un contributo teorico volto a leggere in modo innovativo il fenomeno del processo di separazione di alcune donne dalla ’ndrangheta. Dapprima mette in luce come la condizione di vulnerabilità possa rappresentare uno strumento euristico utile a prendere le distanze dal dispositivo mafioso. Successivamente, si interroga sui rischi di paternalismo insiti negli interventi di supporto preposti per queste donne, suggerendo che essi andrebbero elaborati entro l’orizzonte dell’etica della cura e dell’autonomia relazionale.

La forza della vulnerabilità: Orientamenti teorici sul processo di separazione delle donne dalla 'ndrangheta [The strength of vulnerability. Theoretical perspectives on the separation process of women from the 'ndrangheta] / O. Ingrasci'. - In: RIVISTA DI STUDI E RICERCHE SULLA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA. - ISSN 2421-5635. - 6:2(2020 Aug), pp. 18-46. [10.13130/cross-14083]

La forza della vulnerabilità: Orientamenti teorici sul processo di separazione delle donne dalla 'ndrangheta [The strength of vulnerability. Theoretical perspectives on the separation process of women from the 'ndrangheta]

Ombretta Ingrascì
2020-08

Abstract

L’articolo offre un contributo teorico volto a leggere in modo innovativo il fenomeno del processo di separazione di alcune donne dalla ’ndrangheta. Dapprima mette in luce come la condizione di vulnerabilità possa rappresentare uno strumento euristico utile a prendere le distanze dal dispositivo mafioso. Successivamente, si interroga sui rischi di paternalismo insiti negli interventi di supporto preposti per queste donne, suggerendo che essi andrebbero elaborati entro l’orizzonte dell’etica della cura e dell’autonomia relazionale.
The article offers a theoretical contribution for reading women’s process of separation from the ’ndrangheta through an innovative approach. First, it highlights how the condition of vulnerability can represent a heuristic tool useful for taking the distance from the Mafia. Afterwards it wonders about the risks of paternalism inherent in interventions of support for these women, suggesting that they should be elaborated within the horizon of the care’s ethics and relational autonomy
’ndrangheta; mafia; donne; separazione; cura; ’ndrangheta, mafia; women; separation; care;
Settore SPS/07 - Sociologia Generale
Settore SPS/08 - Sociologia dei Processi Culturali e Comunicativi
Settore SPS/09 - Sociologia dei Processi economici e del Lavoro
RIVISTA DI STUDI E RICERCHE SULLA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA
Article (author)
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
14083-Articolo-41673-1-10-20200807.pdf

accesso aperto

Tipologia: Publisher's version/PDF
Dimensione 571.65 kB
Formato Adobe PDF
571.65 kB Adobe PDF Visualizza/Apri
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2434/758124
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact