Il contrario della fotografia? Per Giovanni Ferrario