L’evitamento sociale come strategia di salvezza del mondo