Sentire e gustare: una prospettiva settecentesca