Per Enzo Mengaldo, tra due linguaggi