Animali senzienti, beni di consumo?