“Mani pulite”: un catalizzatore del declino italiano?