La non sempre garbata violenza del proselitismo e della propaganda