La fortuna critica di Signorini tra esposizioni, collezionismo e mercato.