Nature e culture : gli “schemi” e l’irriducibile pluralità dell’umano