Il «dilettoso monte»: note di geografia dantesca