Comunicare l’indicibile: proposte dalla medicina centrata sul paziente al paternalismo palliativo