Dino Campana e la vertigine della modernità