Esperti, cittadini e alcuni problemi della "società democratica della conoscenza"