L’amaro calice della letteratura inglese