Avventure della visione. Spazio ed effetti di lettura nel “Barone”