Informazione, «dadaismo digitale» e socialità di rete