La coccidiosi è una parassitosi comune, diffusa in tutto il mondo che riveste una particolare importanza soprattutto nei contesti dove convivono tanti soggetti. A causa dell’immaturità del loro sistema immunitario, i cuccioli sono gli animali più suscettibili all’azione dei parassiti del genere Isospora responsabili della coccidiosi, ma anche gli adulti possono infestarsi e soprattutto eli- minare forme infestanti, le oocisti, nelle feci e nell’ambiente, dove sono molto resistenti e possono infestare altri soggetti. I parassiti del genere Isospora replicano nei villi intestinali deputati all’assorbimento. Se non iden- ti cata e correttamente trattata la coccidiosi può comportare de cit di assorbimento e quindi di sviluppo. L’infezione da Isospora non induce un’immunità protettiva. Questo signi ca che i soggetti possono reinfettarsi, manifestare segni clinici ed eliminare oocisti infettanti durante qualsiasi fase della loro vita. L’intervento terapeutico e preventivo dovrebbe basarsi sull’utilizzo di molecole ad azione coccidiocidica. Una corretta gestione ambientale e dei soggetti riproduttori può aiutare a prevenire la diffusione della parassitosi nei contesti maggiormente a rischio.

Coccidiosi, una parassitosi sempre attuale / E. Spada, R. Perego, D. Proverbio. - In: PRAXIS VETERINARIA. - 40:2(2019 Jul), pp. 16-20.

Coccidiosi, una parassitosi sempre attuale

E. Spada;R. Perego;D. Proverbio
2019-07

Abstract

La coccidiosi è una parassitosi comune, diffusa in tutto il mondo che riveste una particolare importanza soprattutto nei contesti dove convivono tanti soggetti. A causa dell’immaturità del loro sistema immunitario, i cuccioli sono gli animali più suscettibili all’azione dei parassiti del genere Isospora responsabili della coccidiosi, ma anche gli adulti possono infestarsi e soprattutto eli- minare forme infestanti, le oocisti, nelle feci e nell’ambiente, dove sono molto resistenti e possono infestare altri soggetti. I parassiti del genere Isospora replicano nei villi intestinali deputati all’assorbimento. Se non iden- ti cata e correttamente trattata la coccidiosi può comportare de cit di assorbimento e quindi di sviluppo. L’infezione da Isospora non induce un’immunità protettiva. Questo signi ca che i soggetti possono reinfettarsi, manifestare segni clinici ed eliminare oocisti infettanti durante qualsiasi fase della loro vita. L’intervento terapeutico e preventivo dovrebbe basarsi sull’utilizzo di molecole ad azione coccidiocidica. Una corretta gestione ambientale e dei soggetti riproduttori può aiutare a prevenire la diffusione della parassitosi nei contesti maggiormente a rischio.
coccidiosi, intestino, cucciolo, prevenzione, trattamento
Settore VET/08 - Clinica Medica Veterinaria
Settore VET/06 - Parassitologia e Malattie Parassitarie degli Animali
Article (author)
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
16-20_SPADA.pdf

non disponibili

Tipologia: Publisher's version/PDF
Dimensione 709.66 kB
Formato Adobe PDF
709.66 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2434/660697
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact