Il presente lavoro intende analizzare la disciplina comunitaria in materia di rimpatrio dei cittadini dei paesi terzi in posizione irregolare nel territorio degli Stati membri. Lo studio si concentra sulla «Proposta di Direttiva recante norme e procedure comuni applicabili negli Stati membri al rimpatrio di cittadini dei paesi terzi soggiornanti illegalmente» (COM/2005/391). L’analisi si sofferma sugli obiettivi perseguiti dalla Proposta di Direttiva, sull’ambito di applicazione, sulle norme e questioni giuridiche più rilevanti. Particolare attenzione è volta allo studio delle negoziazioni in atto per l'adozione della Proposta considerando più specificatamente l’esercizio della procedura di co-decisione e il collegamento con il Fondo europeo per i rimpatri. Il procedimento di adozione della Proposta di Direttiva non risulta di facile esercizio: il tema è particolarmente sensibile e le negoziazioni sono lunghe e difficili. Altre importanti istituzioni e numerose organizzazioni sostengono tale processo di armonizzazione ma ne criticano alcune disposizioni. Le istituzioni comunitarie devono trovare al più presto una strategia che porti all’accordo necessario per l’approvazione «di norme comuni, eque e traspa-renti» che rispettino i diritti fondamentali.

La disciplina comunitaria in materia di rimpatrio dei cittadini dei paesi terzi in posizione irregolare nel territorio dell’Unione Europea / E. CANETTA ROSSI PALERMO. - In: DIRITTO IMMIGRAZIONE E CITTADINANZA. - ISSN 1720-433X. - 3:(2007).

La disciplina comunitaria in materia di rimpatrio dei cittadini dei paesi terzi in posizione irregolare nel territorio dell’Unione Europea

E. CANETTA ROSSI PALERMO
Primo
2007

Abstract

Il presente lavoro intende analizzare la disciplina comunitaria in materia di rimpatrio dei cittadini dei paesi terzi in posizione irregolare nel territorio degli Stati membri. Lo studio si concentra sulla «Proposta di Direttiva recante norme e procedure comuni applicabili negli Stati membri al rimpatrio di cittadini dei paesi terzi soggiornanti illegalmente» (COM/2005/391). L’analisi si sofferma sugli obiettivi perseguiti dalla Proposta di Direttiva, sull’ambito di applicazione, sulle norme e questioni giuridiche più rilevanti. Particolare attenzione è volta allo studio delle negoziazioni in atto per l'adozione della Proposta considerando più specificatamente l’esercizio della procedura di co-decisione e il collegamento con il Fondo europeo per i rimpatri. Il procedimento di adozione della Proposta di Direttiva non risulta di facile esercizio: il tema è particolarmente sensibile e le negoziazioni sono lunghe e difficili. Altre importanti istituzioni e numerose organizzazioni sostengono tale processo di armonizzazione ma ne criticano alcune disposizioni. Le istituzioni comunitarie devono trovare al più presto una strategia che porti all’accordo necessario per l’approvazione «di norme comuni, eque e traspa-renti» che rispettino i diritti fondamentali.
rimpatri ; immigrazione ; diritti fondamentali ; codecisione ; espulsione ; allontanamento ; cittadini di paesi terzi ; clandestini ; immigrati irregolari ; stranieri
Article (author)
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2434/65992
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact