Il 'lavoro lento’ del filologo