I dadi di Einstein e il gatto di Schroedinger