Le verità fattuali come cosa pubblica