La Malattià di Ménière (MdM) è clinicamente ben definita e i recenti aggiornamenti delle linee guida (2015-2017) hanno semplificato la definizione diagnostica. Tuttavia, la condizione multifattoriale e l’andamento variabile della MdM rendono spesso difficoltosa la gestione del paziente con MdM e difficile la definizione del nesso di causalità tra i diversi fattori che sono imputati nell’etiopatogenesi, la cui indagine è spesso tralasciata in ambito clinico. Dal 1938, studi istopatologici hanno associato l’idrope alla MdM; oggi, questa condizione è ben identificabile mediante lo studio neuroradiologico che, se ha permesso di identificare l’idrope, ha anche evidenziato i limiti di alcune terapie e l’assenza di correlazione tra idrope e presenza dei sintomi. In questo corso verrà proposta una revisione ragionata della letteratura al fine di traslare le novità diagnostiche dalla letteratura alla pratica clinica con l’obiettivo di identificare un percorso diagnostico essenziale e personalizzato nella MdM che identifichi i fattori scatenanti. Saranno inoltre descritti i nuovi sviluppi della terapia in base allo stadio della MdM i quali sembrano ridurre l’importanza della dieta iposodica a favore di altre terapie. Per quanto riguarda il percorso riabilitativo uditivo con impianto cocleare per i casi avanzati di MdM, sarano esposti i risultati della personale casisistica.

"Malattia di Ménière: nuovi trend diagnostici e terapeutici / F. Di Berardino, M. Socci, G. Conte, D. Zanetti. ((Intervento presentato al 36. convegno Congresso Nazionale della Società Italiana di Audiologia e Foniatria tenutosi a Siena nel 2017.

"Malattia di Ménière: nuovi trend diagnostici e terapeutici

F. Di Berardino
Co-primo
;
M. Socci
Secondo
;
G. Conte
Co-primo
;
2017-09

Abstract

La Malattià di Ménière (MdM) è clinicamente ben definita e i recenti aggiornamenti delle linee guida (2015-2017) hanno semplificato la definizione diagnostica. Tuttavia, la condizione multifattoriale e l’andamento variabile della MdM rendono spesso difficoltosa la gestione del paziente con MdM e difficile la definizione del nesso di causalità tra i diversi fattori che sono imputati nell’etiopatogenesi, la cui indagine è spesso tralasciata in ambito clinico. Dal 1938, studi istopatologici hanno associato l’idrope alla MdM; oggi, questa condizione è ben identificabile mediante lo studio neuroradiologico che, se ha permesso di identificare l’idrope, ha anche evidenziato i limiti di alcune terapie e l’assenza di correlazione tra idrope e presenza dei sintomi. In questo corso verrà proposta una revisione ragionata della letteratura al fine di traslare le novità diagnostiche dalla letteratura alla pratica clinica con l’obiettivo di identificare un percorso diagnostico essenziale e personalizzato nella MdM che identifichi i fattori scatenanti. Saranno inoltre descritti i nuovi sviluppi della terapia in base allo stadio della MdM i quali sembrano ridurre l’importanza della dieta iposodica a favore di altre terapie. Per quanto riguarda il percorso riabilitativo uditivo con impianto cocleare per i casi avanzati di MdM, sarano esposti i risultati della personale casisistica.
Ménière, risonanza magnetica nucleare
Settore MED/32 - Audiologia
Settore MED/37 - Neuroradiologia
"Malattia di Ménière: nuovi trend diagnostici e terapeutici / F. Di Berardino, M. Socci, G. Conte, D. Zanetti. ((Intervento presentato al 36. convegno Congresso Nazionale della Società Italiana di Audiologia e Foniatria tenutosi a Siena nel 2017.
Conference Object
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2434/640923
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact