The exhibition "Twentieth-Century Italian Art" held at MoMA in 1949, was the first important opportunity for American audience and critics to know more completly the modern italina art. The essay retraces the different steps of organizations of the show and focuses on positive effects: it fostered collecting Italian art by American museums and collectors, a specific interest in the joung Italian art after WWII. Finally, the text focuses on Afro Basaldella case - showed in the exhibtions at MoMA - who will get a great success in US during '50s and '60s, thanks to the great Catherine Viviano Gallery support.

La mostra "Twentieth-Century Italian Art", tenutasi al MoMA di New York nel 1949, ha rappresentato la prima importante occasione per il pubblico e la critica americana di conoscere in modo più completo e articolato la produzione artistica italiana della prima metà del '900. Il saggio ricostruisce le vicende che hanno portato all'organizzazione della mostra e si sofferma sulle sue positive conseguenze favorendo il collezionismo museale e privato di opere italiane e una crescente attenzione per la giovane arte italiana del secondo dopoguerra. Si sottolinea come, Afro, presente alla mostra del MoMA, diventi uno degli artisti italiani che riscuotono maggiore successo di critica, pubblico e collezionistico tra gli anni '50 e la metà degli anni '60, grazie al lavoro capillare della Catherine Viviano Gallery.

1949: Twentieth-Century Italian Art au MoMA de New York / D. Colombo - In: Afro / [a cura di] P. Rylands. - [s.l] : Galleria Tornabuoni, 2018. - ISBN 9788899534783. - pp. 59-67

1949: Twentieth-Century Italian Art au MoMA de New York

D. Colombo
2018

Abstract

La mostra "Twentieth-Century Italian Art", tenutasi al MoMA di New York nel 1949, ha rappresentato la prima importante occasione per il pubblico e la critica americana di conoscere in modo più completo e articolato la produzione artistica italiana della prima metà del '900. Il saggio ricostruisce le vicende che hanno portato all'organizzazione della mostra e si sofferma sulle sue positive conseguenze favorendo il collezionismo museale e privato di opere italiane e una crescente attenzione per la giovane arte italiana del secondo dopoguerra. Si sottolinea come, Afro, presente alla mostra del MoMA, diventi uno degli artisti italiani che riscuotono maggiore successo di critica, pubblico e collezionistico tra gli anni '50 e la metà degli anni '60, grazie al lavoro capillare della Catherine Viviano Gallery.
The exhibition "Twentieth-Century Italian Art" held at MoMA in 1949, was the first important opportunity for American audience and critics to know more completly the modern italina art. The essay retraces the different steps of organizations of the show and focuses on positive effects: it fostered collecting Italian art by American museums and collectors, a specific interest in the joung Italian art after WWII. Finally, the text focuses on Afro Basaldella case - showed in the exhibtions at MoMA - who will get a great success in US during '50s and '60s, thanks to the great Catherine Viviano Gallery support.
Twentieth-Century Italian Art; MoMA; arte italiana; XX secolo; pittura; scultura; collezionismo; Afro Basaldella; Catherine Viviano Gallery
Settore L-ART/03 - Storia dell'Arte Contemporanea
Settore L-ART/04 - Museologia e Critica Artistica e del Restauro
Book Part (author)
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2434/630819
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact