Tra «conto» e «racconto»: i libri mastri degli ospedali medievali