The article shows the results of a community study carried out by the Monitoring Centre on Organized Crime of the University of Milan concerning the criminality and the perception of security in Pregnana Milanese, a little town of Milan’s hinterland. Throughout a qualitative approach (field observation, interviews, focus group), along with the analysis of socio-economic and criminal statistical data, the research has reconstructed the socio-demographic, economic, urbanistic fabric of the town, the criminal scenario and the citizens’ perception of security, and finally the responses of the local institutions to the challenges posed by the criminality and the citizens’ requests in terms of security. The results of the analysis highlight the absence of mafia embedment process and attribute the refractoriness to such phenomenon to the effectiveness of local policies, that have allowed the institutions to “occupy” the territory and, therefore, not leave empty spaces that could offer the mafias the opportunity of infiltrating and settlement, as much as it has occurred in some of the near towns.

L’articolo presenta i risultati di uno studio di comunità condotto dall’Osservatorio sulla Criminalità Organizzata dell’Università degli Studi di Milano riguardante la criminalità e la percezione della sicurezza a Pregnana Milanese, piccolo paese (7148 abitanti) dell’hinterland milanese. Attraverso un approccio qualitativo (osservazione sul campo, interviste, focus group), integrato con l’analisi di dati statistici di tipo socio-economico e criminale, la ricerca ha ricostruito il tessuto socio-demografico, economico, urbanistico del paese, il panorama criminale e la percezione della sicurezza da parte della cittadinanza, e infine le risposte dell’amministrazione comunale di fronte alle sfide poste dalla criminalità e alle istanze di sicurezza avanzate dai cittadini. I risultati dell’analisi mettono in luce l’assenza di processi di radicamento mafioso e attribuiscono la refrattarietà a tale fenomeno principalmente all’efficacia delle politiche locali, che hanno permesso alle istituzioni di “occupare” il territorio, così da non lasciare spazi vuoti che avrebbero potuto offrire alle mafie opportunità di infiltrazione e insediamento, così come accaduto in alcuni Comuni limitrofi.

Criminalità e sicurezza a Pregnana Milanese : uno studio di comunità / O. Ingrasci'. - In: RIVISTA DI STUDI E RICERCHE SULLA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA. - ISSN 2421-5635. - 3:1(2017), pp. 19-46. [10.13130/cross-8280]

Criminalità e sicurezza a Pregnana Milanese : uno studio di comunità

O. Ingrasci'
2017

Abstract

L’articolo presenta i risultati di uno studio di comunità condotto dall’Osservatorio sulla Criminalità Organizzata dell’Università degli Studi di Milano riguardante la criminalità e la percezione della sicurezza a Pregnana Milanese, piccolo paese (7148 abitanti) dell’hinterland milanese. Attraverso un approccio qualitativo (osservazione sul campo, interviste, focus group), integrato con l’analisi di dati statistici di tipo socio-economico e criminale, la ricerca ha ricostruito il tessuto socio-demografico, economico, urbanistico del paese, il panorama criminale e la percezione della sicurezza da parte della cittadinanza, e infine le risposte dell’amministrazione comunale di fronte alle sfide poste dalla criminalità e alle istanze di sicurezza avanzate dai cittadini. I risultati dell’analisi mettono in luce l’assenza di processi di radicamento mafioso e attribuiscono la refrattarietà a tale fenomeno principalmente all’efficacia delle politiche locali, che hanno permesso alle istituzioni di “occupare” il territorio, così da non lasciare spazi vuoti che avrebbero potuto offrire alle mafie opportunità di infiltrazione e insediamento, così come accaduto in alcuni Comuni limitrofi.
The article shows the results of a community study carried out by the Monitoring Centre on Organized Crime of the University of Milan concerning the criminality and the perception of security in Pregnana Milanese, a little town of Milan’s hinterland. Throughout a qualitative approach (field observation, interviews, focus group), along with the analysis of socio-economic and criminal statistical data, the research has reconstructed the socio-demographic, economic, urbanistic fabric of the town, the criminal scenario and the citizens’ perception of security, and finally the responses of the local institutions to the challenges posed by the criminality and the citizens’ requests in terms of security. The results of the analysis highlight the absence of mafia embedment process and attribute the refractoriness to such phenomenon to the effectiveness of local policies, that have allowed the institutions to “occupy” the territory and, therefore, not leave empty spaces that could offer the mafias the opportunity of infiltrating and settlement, as much as it has occurred in some of the near towns.
criminality; perception of security; mafia; community; local policies; control; territory
Settore SPS/09 - Sociologia dei Processi economici e del Lavoro
Settore SPS/12 - Sociologia Giuridica, della Devianza e Mutamento Sociale
Article (author)
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
1_ Criminalità e sicurezza a Pregnana Milanese.pdf

accesso aperto

Tipologia: Publisher's version/PDF
Dimensione 1 MB
Formato Adobe PDF
1 MB Adobe PDF Visualizza/Apri
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2434/627248
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact