Per chi ha funzioni educative - in quanto genitore o docente di bambini, preadolescenti o adolescenti - sapere che essi sono connessi e hanno una vita online comporta molte responsabilità. La situazione, dal punto di vista pedagogico, è molto simile a quella in cui un minore deve ottenere l’autorizzazione a poter circolare su strada con il proprio ciclomotore. Non è un’autorizzazione che si può dare in modo improvvisato e sprovveduto. Ci si deve, infatti, sincerare che il minore che desidera muoversi su un mezzo dotato di motore, abbia tutte le competenze per gestire la nuova attività in modo sicuro e ben regolato. Ma si deve anche aiutarlo a prevedere l’eventuale “sregolatezza” degli altri, a prevenire non solo l’incidente auto-causato, ma anche quello del quale potrebbe rimanere vittima. Ecco, quindi, che allenare un minore a rispettare le distanze di sicurezza, ad avere non due ma quattro occhi, a utilizzare il casco e quant’altro, si rivela un passaggio necessario, oltre che utile. Con le tecnologie e la vita online, più o meno è la stessa cosa. Perché quando entrano nella loro vita online, è come se i minori venissero messi “metaforicamente” su strada, in un mondo complesso e globale. Certo in gioco non c’è l’incolumità fisica, come avviene col motorino, ma non sono poche le conseguenze e gli effetti avversi e indesiderati che si possono verificare e ripercuotere sul loro equilibrio psico-emotivo. I minori online, in quanto tali, rappresentano una fascia da proteggere ed educare al tempo stesso, in quanto portatrice di specifiche vulnerabilità e di precisi bisogni formativi ed educativi.

Quale privacy? genitori, figli e la vita online / A. Pellai. - In: CONFLITTI. - ISSN 2239-5318. - 17:4(2018), pp. 46-47.

Quale privacy? genitori, figli e la vita online

A. Pellai
2018

Abstract

Per chi ha funzioni educative - in quanto genitore o docente di bambini, preadolescenti o adolescenti - sapere che essi sono connessi e hanno una vita online comporta molte responsabilità. La situazione, dal punto di vista pedagogico, è molto simile a quella in cui un minore deve ottenere l’autorizzazione a poter circolare su strada con il proprio ciclomotore. Non è un’autorizzazione che si può dare in modo improvvisato e sprovveduto. Ci si deve, infatti, sincerare che il minore che desidera muoversi su un mezzo dotato di motore, abbia tutte le competenze per gestire la nuova attività in modo sicuro e ben regolato. Ma si deve anche aiutarlo a prevedere l’eventuale “sregolatezza” degli altri, a prevenire non solo l’incidente auto-causato, ma anche quello del quale potrebbe rimanere vittima. Ecco, quindi, che allenare un minore a rispettare le distanze di sicurezza, ad avere non due ma quattro occhi, a utilizzare il casco e quant’altro, si rivela un passaggio necessario, oltre che utile. Con le tecnologie e la vita online, più o meno è la stessa cosa. Perché quando entrano nella loro vita online, è come se i minori venissero messi “metaforicamente” su strada, in un mondo complesso e globale. Certo in gioco non c’è l’incolumità fisica, come avviene col motorino, ma non sono poche le conseguenze e gli effetti avversi e indesiderati che si possono verificare e ripercuotere sul loro equilibrio psico-emotivo. I minori online, in quanto tali, rappresentano una fascia da proteggere ed educare al tempo stesso, in quanto portatrice di specifiche vulnerabilità e di precisi bisogni formativi ed educativi.
adolescenza; online; prevenzione
Settore MED/42 - Igiene Generale e Applicata
Article (author)
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
conflitti Privacy.pdf

accesso riservato

Tipologia: Pre-print (manoscritto inviato all'editore)
Dimensione 239.04 kB
Formato Adobe PDF
239.04 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2434/627207
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact