Sulla cagionevole razionalità degli investitori in epoca di mercati iperconduttivi