Nella Verona della seconda metà del Seicento, accanto a una rete “istituzionale” del credito (monti di pietà e operatori professionali), si sviluppò un’ampia rete informale di prestiti che faceva perno su un professionista non direttamente specializzato nel mercato finanziario, eppure cruciale per il suo funzionamento: il notaio. Grazie alla sua attività, questi era in grado di raccogliere una grande quantità di informazioni sui propri clienti, sui loro patrimoni, acquisti, vendite, attività finanziarie, e di sapere chi aveva liquidità da investire e chi la stava cercando. Selezionando e usando efficacemente queste informazioni, il notaio riusciva quindi a mettere in contatto - con successo, rapidità e nessun costo aggiuntivo - debitori affidabili e creditori ben provvisti. Basandosi sullo spoglio di oltre 11.000 contratti rogati in quattro anni campione, Marcella Lorenzini ricostruisce così le dinamiche e i meccanismi di questo mercato informale del credito, dinamico, flessibile, e animato da ampie frange della popolazione che vi ricorreva per far fronte a moltissime necessità, dai bisogni quotidiani agli investimenti produttivi, dalla costruzione di infrastrutture all’avvio di attività commerciali. Insieme a questi capitali circolavano e si rafforzavano valori quali la fiducia, l’onestà e la reputazione, al centro di un mercato del credito che fu protagonista della ripresa dell’economia veronese e della sua modernizzazione.

Credito e notai : capitali per l'economia veronese del secondo Seicento / M. Lorenzini. - Bologna : Il mulino, 2016. - ISBN 9788815267184. (PERCORSI. STORIA)

Credito e notai : capitali per l'economia veronese del secondo Seicento

M. Lorenzini
2016

Abstract

Nella Verona della seconda metà del Seicento, accanto a una rete “istituzionale” del credito (monti di pietà e operatori professionali), si sviluppò un’ampia rete informale di prestiti che faceva perno su un professionista non direttamente specializzato nel mercato finanziario, eppure cruciale per il suo funzionamento: il notaio. Grazie alla sua attività, questi era in grado di raccogliere una grande quantità di informazioni sui propri clienti, sui loro patrimoni, acquisti, vendite, attività finanziarie, e di sapere chi aveva liquidità da investire e chi la stava cercando. Selezionando e usando efficacemente queste informazioni, il notaio riusciva quindi a mettere in contatto - con successo, rapidità e nessun costo aggiuntivo - debitori affidabili e creditori ben provvisti. Basandosi sullo spoglio di oltre 11.000 contratti rogati in quattro anni campione, Marcella Lorenzini ricostruisce così le dinamiche e i meccanismi di questo mercato informale del credito, dinamico, flessibile, e animato da ampie frange della popolazione che vi ricorreva per far fronte a moltissime necessità, dai bisogni quotidiani agli investimenti produttivi, dalla costruzione di infrastrutture all’avvio di attività commerciali. Insieme a questi capitali circolavano e si rafforzavano valori quali la fiducia, l’onestà e la reputazione, al centro di un mercato del credito che fu protagonista della ripresa dell’economia veronese e della sua modernizzazione.
mercato informale del credito; notai; storia finanziaria, Verona, età moderna
Settore SECS-P/12 - Storia Economica
Credito e notai : capitali per l'economia veronese del secondo Seicento / M. Lorenzini. - Bologna : Il mulino, 2016. - ISBN 9788815267184. (PERCORSI. STORIA)
Book (author)
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
CREDITO e notai.pdf

accesso riservato

Descrizione: PDF distribuibile
Tipologia: Publisher's version/PDF
Dimensione 14.34 MB
Formato Adobe PDF
14.34 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2434/614811
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact