The Fight against Migrant Smuggling in International and European Law. The EUNAVFOR MED Operation in the Mediterranean Sea. The international juridical context of reference on the contrast to migrant smuggling is extremely complex. In fact, it reconnects a dense network of rights, obligations and responsibilities which do not derive only from the Protocol against the Smuggling of Migrants by Land, Sea and Air, but also from the Law of the Sea, Human Rights and Refugee Law. The research is focused on EUNAVFOR MED Operation SOPHIA in the Mediterranean Sea, as it was the very first case in which a military maritime operation was specifically adopted to tackle transnational organized crime and was provided with both law enforcement and police powers. Starting from the mandate of the operation, in May 2015, and its evolution up to now, the purpose of the analysis is to highlight the critical issues and the innovative features it entails under an International and European Law perspective. Furthermore, it worth noticing that around EUNAVFOR MED a dense net of intelligence and operational cooperation has been established between Member States and European Union agencies, such as EUROPOL and FRONTEX; so that, particular attention has been given to the juridical aspects related to the coordination issues between different institutions in this field. The last part of the research focus on the effective protection of migrants who are involved, at various levels, in migrant smuggling. After examining the critical issues, related to Operation SOPHIA, which may entail human rights violations of migrants, the controversial aspect of the allocation of responsibilities for such eventual violations has been questioned. In fact, it should be considered that States involved in the fight against migrant smuggling act both under the coordination of FRONTEX, as far ad Operation Themis is concerned, and in line with Resolution 2240 of the UNSC, in the field of Operation SOPHIA.

Il contrasto al traffico di migranti nel diritto internazionale ed europeo. L’operazione EUNAVFOR MED nel Mar Mediterraneo. Scopo della ricerca è l’analisi del fenomeno del traffico di migranti in tutti i suoi molteplici aspetti, a partire dalla definizione di “traffico di migranti” data dal Protocollo; alle forme di criminalizzazione dello stesso; passando per la prevenzione del crimine e la cooperazione tra gli Stati parte; fino all’assistenza e alla tutela dei migranti trafficati. Il fulcro centrale dello studio è il dispiegamento di EUNAVFOR MED Operazione SOPHIA nel Mar Mediterraneo: il primo caso di operazione navale militare dell’Unione europea, autorizzata ex post dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, dotata di poteri di law enforcement, da un lato, e di polizia, dall’altro, nonché specificamente rivolta al contrasto al crimine organizzato transnazionale. Ci si è concentrati, in particolare, sul mandato e l’evoluzione dell’operazione dal momento della sua istituzione, nel maggio 2015, ad oggi, al fine di mettere in luce le criticità e le innovazioni che essa solleva alla luce del diritto internazionale ed europeo. Peculiare, poi, è il fatto che nell’ambito di EUNAVFOR MED sia stata creata una fitta rete di collaborazione tra Stati membri e agenzie dell’Unione europea, in particolare FRONTEX ed EUROPOL, sulla quale ci si è soffermati per comprendere come si applica, nella prassi, il coordinamento tra i vari organi. Infine, è stata rivolta un’attenzione particolare alla tutela effettiva dei migranti coinvolti in operazioni di traffico, a partire dai diritti fondamentali che trovano applicazione generale fino a quei diritti che vengono in rilievo in particolari situazioni, come il divieto di sfruttamento dei migranti e la protezione di coloro che hanno subito tortura o altri trattamenti inumani e degradanti. Una volta analizzati i punti critici dell’operazione da cui potenzialmente potrebbero scaturire violazioni di alcuni diritti fondamentali dei migranti, ci si è interrogati su chi, in tal caso, sarebbe da ritenersi responsabile per tali contravvenzioni, dal momento che la missione comprende azioni coercitive che si applicano in acque internazionali. Oltre a ciò, è stato necessario considerare, ai fini dell’attribuzione delle responsabilità, che gli Stati agiscono, nell’ambito dell’operazione Themis, prima Triton, coordinati dall’agenzia FRONTEX dell’Unione europea, e, nell’ambito dell’operazione SOPHIA, attraverso una decisione del Consiglio dell’Unione europea e sotto l’autorizzazione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.

IL CONTRASTO AL TRAFFICO DI MIGRANTI NEL DIRITTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO. L¿OPERAZIONE EUNAVFORMED NEL MAR MEDITERRANEO / B. Gornati ; tutor: M. Pedrazzi ; coordinatore: D. U. Galetta. - : . DIPARTIMENTO DI STUDI INTERNAZIONALI, GIURIDICI E STORICO-POLITICI, 2019 Feb 04. ((31. ciclo, Anno Accademico 2018. [10.13130/gornati-beatrice_phd2019-02-04].

IL CONTRASTO AL TRAFFICO DI MIGRANTI NEL DIRITTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO. L¿OPERAZIONE EUNAVFORMED NEL MAR MEDITERRANEO.

B. Gornati
2019-02-04

Abstract

Il contrasto al traffico di migranti nel diritto internazionale ed europeo. L’operazione EUNAVFOR MED nel Mar Mediterraneo. Scopo della ricerca è l’analisi del fenomeno del traffico di migranti in tutti i suoi molteplici aspetti, a partire dalla definizione di “traffico di migranti” data dal Protocollo; alle forme di criminalizzazione dello stesso; passando per la prevenzione del crimine e la cooperazione tra gli Stati parte; fino all’assistenza e alla tutela dei migranti trafficati. Il fulcro centrale dello studio è il dispiegamento di EUNAVFOR MED Operazione SOPHIA nel Mar Mediterraneo: il primo caso di operazione navale militare dell’Unione europea, autorizzata ex post dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, dotata di poteri di law enforcement, da un lato, e di polizia, dall’altro, nonché specificamente rivolta al contrasto al crimine organizzato transnazionale. Ci si è concentrati, in particolare, sul mandato e l’evoluzione dell’operazione dal momento della sua istituzione, nel maggio 2015, ad oggi, al fine di mettere in luce le criticità e le innovazioni che essa solleva alla luce del diritto internazionale ed europeo. Peculiare, poi, è il fatto che nell’ambito di EUNAVFOR MED sia stata creata una fitta rete di collaborazione tra Stati membri e agenzie dell’Unione europea, in particolare FRONTEX ed EUROPOL, sulla quale ci si è soffermati per comprendere come si applica, nella prassi, il coordinamento tra i vari organi. Infine, è stata rivolta un’attenzione particolare alla tutela effettiva dei migranti coinvolti in operazioni di traffico, a partire dai diritti fondamentali che trovano applicazione generale fino a quei diritti che vengono in rilievo in particolari situazioni, come il divieto di sfruttamento dei migranti e la protezione di coloro che hanno subito tortura o altri trattamenti inumani e degradanti. Una volta analizzati i punti critici dell’operazione da cui potenzialmente potrebbero scaturire violazioni di alcuni diritti fondamentali dei migranti, ci si è interrogati su chi, in tal caso, sarebbe da ritenersi responsabile per tali contravvenzioni, dal momento che la missione comprende azioni coercitive che si applicano in acque internazionali. Oltre a ciò, è stato necessario considerare, ai fini dell’attribuzione delle responsabilità, che gli Stati agiscono, nell’ambito dell’operazione Themis, prima Triton, coordinati dall’agenzia FRONTEX dell’Unione europea, e, nell’ambito dell’operazione SOPHIA, attraverso una decisione del Consiglio dell’Unione europea e sotto l’autorizzazione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.
PEDRAZZI, MARCO
GALETTA, DIANA URANIA
The Fight against Migrant Smuggling in International and European Law. The EUNAVFOR MED Operation in the Mediterranean Sea. The international juridical context of reference on the contrast to migrant smuggling is extremely complex. In fact, it reconnects a dense network of rights, obligations and responsibilities which do not derive only from the Protocol against the Smuggling of Migrants by Land, Sea and Air, but also from the Law of the Sea, Human Rights and Refugee Law. The research is focused on EUNAVFOR MED Operation SOPHIA in the Mediterranean Sea, as it was the very first case in which a military maritime operation was specifically adopted to tackle transnational organized crime and was provided with both law enforcement and police powers. Starting from the mandate of the operation, in May 2015, and its evolution up to now, the purpose of the analysis is to highlight the critical issues and the innovative features it entails under an International and European Law perspective. Furthermore, it worth noticing that around EUNAVFOR MED a dense net of intelligence and operational cooperation has been established between Member States and European Union agencies, such as EUROPOL and FRONTEX; so that, particular attention has been given to the juridical aspects related to the coordination issues between different institutions in this field. The last part of the research focus on the effective protection of migrants who are involved, at various levels, in migrant smuggling. After examining the critical issues, related to Operation SOPHIA, which may entail human rights violations of migrants, the controversial aspect of the allocation of responsibilities for such eventual violations has been questioned. In fact, it should be considered that States involved in the fight against migrant smuggling act both under the coordination of FRONTEX, as far ad Operation Themis is concerned, and in line with Resolution 2240 of the UNSC, in the field of Operation SOPHIA.
Settore IUS/13 - Diritto Internazionale
IL CONTRASTO AL TRAFFICO DI MIGRANTI NEL DIRITTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO. L¿OPERAZIONE EUNAVFORMED NEL MAR MEDITERRANEO / B. Gornati ; tutor: M. Pedrazzi ; coordinatore: D. U. Galetta. - : . DIPARTIMENTO DI STUDI INTERNAZIONALI, GIURIDICI E STORICO-POLITICI, 2019 Feb 04. ((31. ciclo, Anno Accademico 2018. [10.13130/gornati-beatrice_phd2019-02-04].
Doctoral Thesis
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
phd_unimi_R11200.pdf

accesso aperto

Tipologia: Tesi di dottorato completa
Dimensione 2.42 MB
Formato Adobe PDF
2.42 MB Adobe PDF Visualizza/Apri
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2434/609789
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact