Una "forma mutante tra le forme". Appunti sulle prose "anfibie" di Magrelli