Il consumo dei romanzi: le collane